martedì 16 luglio 2013

Zombie nei videogiochi: delle "marce idee" nella testa di produttori a corto d'immaginazione

Ciao belli...
Ebbene…. Se c’è un “promettente” film  in uscita, un videogioco che vende bene o un fumetto attualmente di successo.... è ufficiale, parla di ZOMBIE.

Andate al cinema? Spicca World War Z, l’apocalisse di zombie… o qualche mese fa Warm Bodies, forse l'unico lungometraggio che voleva lanciare un sexy zombie per far “delirare” le teen ager (come solo il vampiro Pattinson sapeva fare) .
Anche i telefilm si son dovuti adeguare… The Walking Dead parla di zombie... e incassa un sacco di soldi (compreso il fumetto della suddetta serie, che nonostante la crisi dell’editoria vende benone).
Ah ovviamente di Walking Dead ci sono pure i videogiochi, tanto per cambiare.

Ma andiamo di fretta dalle parti dei videogiochi, dove c’è proprio un’invasione di titoli dedicati al "tipo di mostro più cretino": The Last of Us, Lollipop Chainsaw, Dead Rising(serie), Dead Island (serie) e la sempreverde saga di Resident Evil (fra tutti quella che tollero di più), forse la “colpevole” di avere lanciato la moda del morto che cammina nei videogames.

Ok lo ammetto…. Sono di parte: gli zombie mi stanno sul caz.zo.



E mi stanno ancora più sull’attributo da quando non sono più dei morti resuscitati da qualche forma di negromanzia, come tradizione dovrebbe imporre... ma sono stati sostituiti con degli “infetti” vittime di parassiti “zombizzanti” o manipolazioni genetiche.
Dal primo Resident Evil, pare appunto che lo zombie sia stato sostituito con un più moderno infettato pieno di pus, escoriazioni e ovviamente intelligente come un calciatore (forse un po’ di più, va… XD ).

Dico, ma è una bella cosa? Ma pensare ad altri mostri più decenti ?

Oltre a fare leggermente schifo… sembra proprio che produttori, grafici e scrittori impiegati nelle software house abbiano finito le idee, scopiazzandosi a vicenda cercando di cavalcare l’onda... particolarmente nel campo videoludico, dove gli zombie sembrano dominare mezzo mercato.

E la cosa divertente è che i giochi a base di zombie sono approvati dalle comunità di videogiocatori; per quanto certi titoli siano (a detta di alcuni) dei mezzi capolavori... il videogiocatore medio non è un po' stufetto di andare in giro per città pseudo apocalittiche zeppe di tipi decomposti che deambulano a mo' di ubriachi?
Pare di no... visto che uno dei titoli di lancio delle nuove console è Dead Rising 3 (ecco perchè all'inizio le console non le compra nessuno ).

Ma parliamo anche di un altro titoletto che piace molto al gamer medio: The Last of Us.
Bello eh! Per carità... sembra un film, ma che film? Un film di zombie (con tutte le dovute differenze tipologiche) ... avrà pure un gameplay stratosferico, una storia che sa il fatto suo, ma che personaggi ha prodotto? Che universo ha prodotto?
Nebbia fitta.

Trasportiamolo fra 10 anni, qualcuno si ricorderà i personaggi di The Last of Us?
Credo seriamente di no.
Salve, voi chi siete?
Forse lo ricorderanno per essere stato una specie di cine-gioco... ma ho idea che fra 10 anni (anche meno) della coppia "bambina + barbuto" ci saranno ben poche tracce; e non mi meraviglierei se la gente rivorrà in scena ancora Crash Bandicoot o altri personaggi più iconici (e riusciti un po' meglio).

Che poi è il caso di molti grandi colossal, una gran cura e un gran dispendio per creare "filminoni" di cui se ne farebbe a meno (chi ha detto Avatar ).

C’è di buono che le mode sono passeggere e, in tutta onestà… erano meglio i vampiri (almeno nella moltitudine si trovava anche qualche “bella vampira”, ma di belle “zombesse” non ne ho ancora viste). .

Nessun commento:

Posta un commento